Ecclesia orans

    Periodica de Scientiis Liturgicis




ANNO III


Editoriale      

   Fondata il 2 febbraio 1984, fin dal suo primo numero, apparso nel settembre di quell’anno, la rivista indicava subito l’indirizzo prescelto.
   Ecclesia Orans ha fatto così la prima esperienza di un anno di pubblicazione in tre fascicoli. È certamente troppo presto per fare un esame di coscienza da cui trarre delle conclusioni definitive. Tuttavia, non è certo inutile riflettere sui risultati di questo primo anno, pur restando molto misurati e prudenti su ogni possibile valutazione.
   Ci sembra che la rivista abbia tenuto fede con fermezza ai principi assegnatile dal Consiglio di Redazione: la ricerca e la promozione della scienza liturgica e delle discipline annesse. Si è data l’opportunità di studiare i diversi aspetti della liturgia e si è rispettata scrupolosamente l’internazionalità desiderata. Leggendo i titoli dei diversi contributi apparsi sui quattro fascicoli pubblicati, si può essere soddisfatti della collaborazione qualificata ottenuta. Ecclesia Orans non solo ha aperto le sue pagine ad esperti di tutte le parti del mondo, né tanto meno si è abbandonata alla trattazione di soggetti peregrini o secondari: in ogni numero un esponente del Consiglio di Redazione è stato presente collaborando alla propria rivista che vuole così esprimere la linea adottata da sempre dall’Istituto Liturgico.
   D’altra parte, evitando di rimanere nell’astratto, la rivista ha pubblicato una Cronaca, apprezzata dai numerosi ex-alunni e dagli studenti ordinari. Così la rivista ancor giovane, si mostra già strumento di comunicazione e collegamento fra studenti di diverse generazioni e diversi continenti.
   Senza dubbio non tutto è perfetto né tutti gli scopi possono essere già stati raggiunti: tuttavia, già nell’ultimo numero del 1985, i diversi Indices hanno offerto ai lettori un importante strumento di ricerca. Sulla stessa linea di serietà Ecclesia Orans vorrebbe sviluppare le sue recensioni, in modo da creare un metodo di lettura ai suoi lettori, soprattutto ai Professori di liturgia. Questo compito non è facile e questo dipende e dalla diffusione della rivista e dalla considerazione delle Case editrici.
   Alla fine del primo anno e nel momento di iniziarne uno nuovo, Ecclesia Orans vuol ringraziare con molto calore i suoi lettori e particolarmente gli esimi ricercatori che, nonostante il loro lavoro ordinario, spesso eccessivo, hanno ugualmente voluto onorarci con i loro articoli. Noi li ringraziamo e li incoraggiamo a non dimenticarci ma a voler fare di Ecclesia Orans la «loro» rivista.
   Personalmente voglio ringraziare il mio collega Don Giustino Farnedi, la Redazione, il Consiglio di Redazione e in maniera tutta particolare il Segretario Don Basilio Rizzi e il nostro tecnico redazionale, Dott. Ferdinando Cannicci per il suo lavoro scrupoloso.
   Sarei incompleto se dimenticassi tutti gli incoraggiamenti ricevuti in ogni momento da Don Anscar Chupungco, Preside dell’Istituto e ora Rettore Magnifico dell’Ateneo Sant’Anselmo. Se questo primo bilancio è positivo, lo si deve a tutti costoro che ho appena citato e lodato di tutto cuore.

ADRIEN NOCENT, osb
Direttore