Ecclesia orans

Periodica de Scientiis Liturgicis




Le correzioni curiali alle anafore bizantine
in Italia meridionale nel XIVsecolo.
Il caso dell’eucologio di Carbone (Vaticano gr. 2005)

Stefano Parenti

Abstract

This study examines the manuscript Vatican gr. 2005, copied in 1194/5 at the monastery of Saints Elias and Anastasios in Carbone, Basilicata. The codex is identified as one of the euchologies that was amended as a result of the decrees of the Apostolic Visit of 1370-72, which established that liturgical books of the Greek churches and monasteries of Italy needed to be “corrected”. This process saw the application of late scholastic theological categories onto the Byzantine lex orandi and included such changes as the suppression of the consecratory epiclesis and the intercessions for the saints in the anaphora, as well as other changes meant to highlight the role of the minister who acts in persona Christi. This study argues that the extent and gravity of these interventions cannot be linked simply to a Salento scribe who wished to orient the Carbone liturgical tradition toward his own Byzantino-Salentine tradition, as has been suggested in the past.
Sommario

Lo studio identifica nel Vaticano gr. 2005, copiato nel 1194/5 nel monastero dei Ss. Elia ed Anastasio di Carbone in Basilicata, uno degli eucologi emendati in virtù dei decreti emanati dalla Visita Apostolica del 1370-1372 che si prefiggeva di “correggere” i libri liturgici delle chiese e dei monasteri greci d’Italia. L’applicazione alla lex orandi bizantina delle categorie teologiche della tarda scolastica ha portato alla soppressione nell’anafora dell’epiclesi consacratoria e delle intercessioni per i santi, insieme ad altri interventi tesi ad evidenziare il ruolo del ministro che agisce in persona Christi. L’entità e la gravità degli interventi non si possono considerare, come è stato proposto nel passato, iniziativa di un copista che intendeva orientare la tradizione liturgica di Carbone verso il rito bizantino proprio del Salento.