Ecclesia orans

    Periodica de Scientiis Liturgicis




ANNO XXXIII


Editoriale     

   L’8 maggio 2015, la National Agency for the Evaluation of Universities and Research Institutes (ANVUR) ha riconosciuto la scientificità della nostra rivista Ecclesia orans. Periodica de scientiis liturgicis, inscrivendola tra le riviste di “classe A” per l’Area 11: “Scienze storiche, filosofiche, pedagogiche e psicologiche”, Settore A4: “Scienze del libro e del documento e scienze storico religiose”.
   La motivazione di tale riconoscimento è stata così formulata: «a motivo dell’elevata specializzazione e dell’alta reputazione della rivista Ecclesia orans nel campo degli studi liturgici scientifici in ambito internazionale».
   A sua volta, il 16 dicembre 2015 la European Reference Index for the Humanities and Social Sciences (ERIH-PLUS) confermava l’inserimento di Ecclesia orans nella lista delle riviste scientifiche.
    I revisori di entrambe le agenzie lodano il notevole sforzo compiuto dalla redazione, evidente soprattutto negli ultimi anni, per il raggiungimento dei requisiti necessari per il suo inserimento tra le riviste scientifiche. Tra le iniziative intraprese dal 2013 ad oggi, si apprezza in particolare sia la rigorosità del metodo seguito per l’accettazione e pubblicazione dei contributi (l’inaugurazione del processo di double peer review), la costituzione di un Comitato scientifico esterno internazionale e la dotazione di un sito web della rivista.
   Tali importanti riconoscimenti diventano occasione propizia per continuare, con sempre maggiore slancio, il lavoro che in questi anni ha visto Ecclesia orans impegnata quale strumento accademico nel quale trovano spazio e si pongono in dialogo i risultati delle ricerche scientifiche dei docenti del nostro Pontificio Istituto Liturgico di Roma, nonché di studiosi che desiderano porre a servizio della scienza liturgica le proprie ricerche. Tutto ciò senza dimenticare la corsia preferenziale che la rivista ha sempre dedicato agli studi inerenti le fonti liturgiche.
   Ci pare importante dare rilievo anche ad un’ulteriore iniziativa. A trentadue anni dalla sua nascita, quella “piccola bambina”, come amava definirla P. Adrien Nocent nei primi anni dalla nascita della rivista, non solo ha mantenuto fede al suo mandato iniziale, ma continua a farlo dando essa stessa vita ad ulteriori strumenti utili alla ricerca scientifica e liturgica in particolare. Il Consiglio di Redazione della rivista, infatti, quale risposta a numerose richieste da parte di docenti e ricercatori di diverse provenienze, ha deciso di dare vita ad una collana che raccoglierà opere e studi scientifici inediti e originali in campo liturgico, nelle principali lingue moderne. La nuova collana favorisce, in particolar modo, la pubblicazione delle fonti e studi su di esse, rispondendo così alla principale vocazione di Ecclesia orans: mettere a disposizione del mondo scientifico gli strumenti necessari per la ricerca. Tale collana rappresenterà una sorta di “estensione” della rivista stessa, e dunque in profondo rapporto con essa, come suggerisce il nome stesso: Ecclesia orans. Ricerche. Essa, infatti, accoglierà al suo interno le varie proposte che potranno essere presentate dai diversi ricercatori, mantenendo le caratteristiche proprie della rivista: scientificità, originalità e rigorosità metodologica. Per tale motivo, la bontà e scientificità dell’opera sarà comunque sottoposta alla peer review del Comitato scientifico della rivista e di esperti nella materia dell’opera stessa, che ne attesteranno l’idoneità alla pubblicazione.
     Il primo volume inaugurale, di prossima uscita, conterrà gli Atti del X Congresso Internazionale di Liturgia del Pontificio Istituto Liturgico, dal titolo Carmina laudis. Risposta nel tempo all’eterno, celebratosi dal 6 all’8 maggio 2015 nel Pontificio Ateneo S. Anselmo e che aveva quale tematica la Liturgia delle Ore. Coloro che hanno già prenotato questa pubblicazione in sede di Congresso, saranno raggiunti dalla Casa editrice stessa appena il volume sarà a disposizione. Coloro che vorranno acquistarla, potranno farlo attraverso i normali canali di divulgazione scientifica.
     I principali destinatari dei volumi di Ecclesia orans. Ricerche, dunque, saranno innanzitutto gli abbonati alla rivista e il mondo scientifico che ruota attorno alla liturgia.

PIETRO ANGELO MURONI
Direttore